• Maria Arena

Le dimensioni (del piatto) contano

Il cervello spesso e volentieri ci inganna: è stata dimostrata la tendenza a riempire il piatto con porzioni molto più abbondanti se questo presenta un diametro maggiore.


E, di conseguenza, siamo portati a mangiare porzioni anche doppie rispetto a quelle che mangeremmo se avessimo davanti un piatto più piccolo.

Purtroppo, molto spesso, non siamo attenti ai nostri stimoli interni, non ci ascoltiamo e non riusciamo a distinguere i segnali di sazietà (o semplicemente siamo troppo distratti da altro) e, di conseguenza, per vocazione o per un senso del dovere ficcatoci in testa in tenera età, tendiamo a ripulire tutto il piatto anche se in realtà siamo già pieni.


Quindi, perché non provare stoviglie più piccole se il nostro scopo è quello di ridurre il nostro introito calorico?

Provar non nuoce!